La Voce Dei Conigli

sito informativo sui conigli e tematiche animaliste

 

Non siamo zoofili, siamo contrari al commercio ed alla riproduzione degli animali. Questo sito è contro la vivisezione, la caccia, gli zoo, contro qualsiasi forma di sfruttamento animale.

Il nostro obiettivo è il benessere di tutti gli animali, per questo sosteniamo uno stile di vita etico dall'alimentazione priva di carne e derivati animali, alla scelta di acquistare prodotti che non abbiano comportato morte o sofferenza di nessun essere vivente.

Home  Menù principale  Contatti 

Schede  Adozioni

    

 

Menù principale

 

Prima visita

Il coniglio

Sistemazione

Alimentazione

Igiene e cura

Prevenzione

Malattie

Sterilizzazione

Vaccinazioni

Comportamento

Linguaggio

Convivenza

Colpo di calore

Veterinari

 

 

PREVENZIONE

Tipi di feci Colorazione urine Obesità Le zampe Il veterinario vitamine e sole Pronto soccorso

 

 

 

 

 

Il coniglio ha bisogno di muoversi, correre, non può passare la vita in gabbia o pensare che 10 minuti al giorno di libertà siano abbastanza, molti sono i problemi che il rimanere chiusi in gabbia possono creare al coniglio, alcuni esempi: ulcere ai piedi, rammollimento della massa muscolare, rallentamenti e blocchi intestinali, depressione, paralisi.

 

Sicuramente un coniglio che vive sempre in gabbia è un animale sofferente sia mentalmente che fisicamente!

 

 

 

 

 

 

 

Le regole:

  • Alimentazione equilibrata Una sana alimentazione, il movimento, l'igiene dell' ambiente in cui vive e le vaccinazioni saranno importantissime per la prevenzione di moltissime patologie!  

  • Movimento Quindi la prima cosa che possiamo fare per la salute del nostro coniglio è farlo vivere liberamente in casa! 

  • Veterinario esperto Ricercatene uno che lo sia veramente, altrimenti un generico può fare più danno che bene.

Nonostante questi accorgimenti anche il coniglio più curato può ahimè ammalarsi!

Dobbiamo allora essere pronti a riconoscere eventuali sintomi per agire nel migliore dei modi.

 

Per capire se il coniglio non sta bene bisogna imparare ad osservarlo, se cambia comportamento, rimane apatico e smette di mangiare è il primo segnale che il coniglio non sta bene.

 

IMPARIAMO AD OSSERVARE LE FECI, LA PIPì, IL COMPORTAMENTO, E MENTRE LO COCCOLIAMO POSSIAMO TOCCARLO IN MANIERA DA SENTIRE E VEDERE EVENTUALI CAMBIAMENTI.

 

 

 

LE ZAMPE

 

Facciamo attenzione anche alle zampe del coniglio.

Questa patologia, che consiste nell' infiammazione ed infezione della cute delle zampe e può causare, se trascurata, gravi problemi al coniglio portandolo alla morte.

Anche in questo caso portatelo subito dal veterinario.

Quasi tutti i conigli che vivono in appartamento presentano sulle zampe posteriori, nella parte inferiore, delle lesioni cutanee più o meno gravi. Queste sono causate dal pavimento duro, dal fondo della gabbia (se il coniglio ci passa troppo tempo obbligato da noi!), dalla sedentarietà o se il coniglio è obeso.

 

Qui sotto le foto di una gravissima pododermatite non curata che ha portato ad una grave infezione all'osso. In questo caso l'unica soluzione è stata amputare la zampa. 

 

Pododermatite grave:

2.jpg   PODO2.jpg  pododermatite 001.jpg

Pododermatite leggera:

 

La maggior parte dei conigli di casa presenta normalmente questa leggere forma di pododermatite.

Nel dubbio che il vostro coniglio possa vere un inizio di pododermatite più grave consultate il veterinario.

 

 

 

TIPI DI FECI

 

Osservando le feci del coniglio possiamo capire se è in buona salute!

 

feci tonde.jpg

Feci a pallina ben formate

Un coniglio sano e che ha una corretta alimentazione (quindi con tanto fieno)  produce feci tonde e secche a forma di "pallina". Queste feci hanno una consistenza solida e friabile. Feci diverse da queste possono indicare problemi di salute o dieta scorretta.

 

 

 

feci piccole.jpg

Feci piccole e mal formate

Se le dimensioni delle feci del coniglio sono  piccole e mal formate possono indicare mancanza di fibre (fieno)  ed è quindi da rivedere l'alimentazione aumentando fieno ed erba e diminuendo pellet e verdure. Spesso le feci piccole sono il primo sintomo che il coniglio ha un rallentamento intestinale, produce quindi meno feci e di forma piccola. Il rallentamento intestinale precede la stasi, è bene quindi fare molta attenzione e somministrare al coniglio più fibre (fieno).

 

peci post blocco.jpgFeci piccole post blocco intestinale

Dopo un blocco gastrointestinale le feci prodotte sono di piccole dimensioni e mal formate, nei giorni successivi con l'assunzione di fibre ed una corretta alimentazione devono riprendere la forma a "pallina".

 

 

 

Feci a "catenella" sono feci a pallina legate tra loro dai peli ingeriti, di solito è frequente che il coniglio le produca durante la muta (cambio del pelo) perchè leccandosi tende ad ingerire troppo pelo. Per evitare blocchi intestinali aumentare il fieno alla dieta del coniglio e togliere il pelo spazzolandolo più volte al giorno.

 

 

 

Ciecotrofi (palline umide raggruppate, molli e più odorose).

Sono feci particolari che il coniglio di solito mangia direttamente dall'ano.

Sono ricche di sostanze nutritive, importanti per il benessere del coniglio.

 

 

 

 

ciecotrofo.jpgCiecotrofi non ingeriti

Se le ritroviamo spesso lettiera è bene capire le cause che possono essere:

 

 

 

  • Dieta troppo ricca di proteine e calorie (es. carote, pellet e frutta), in questo caso va rivista l'alimentazione apportando più fibre (fieno, erba).

  • Coniglietto in sovrappeso ed ha quindi difficoltà a piegarsi per ingerire i ciecotrofi, in questo caso è bene rivedere la dieta togliendo certi cibi.

  • Problemi di denti a volte i conigli con problemi o senza incisivi di denti hanno difficoltà a mangiare i ciecotrofi.

  • Problemi fisici che possono rendere difficoltoso e doloroso per il coniglio piegarsi: artrite, fratture, problemi renali ecc.

 Valutate con il veterinario esperto quale potrebbe essere la causa.

 

DIARREA

E' sempre da non sottovalutare, potrebbe essere molto pericolosa sia nei cuccioli che negli adulti. Occasionalmente un coniglio adulto può avere delle feci più liquide causate dalla verdura, in quel caso basta lasciarlo a fieno e togliere la verdura per almeno 1 giorno.

Se la diarrea è presente tutto il giorno consultare subito il veterinario.

 

Il pericolo dei coccidi nei giovani coniglietti

Appena portiamo a casa un coniglietto, specie se ancora piccolo, portiamolo da un veterinario per una visita generale e per togliere i coccidi che sono parassiti che si trovano nell'intestino e che in molti casi sono la causa primaria di morte nei giovani conigli.

Spesso infatti il coniglietto muore senza sintomi e con una diarrea fulminante, ecco quindi che è importante andare subito dal veterinario per fare la cura contro i coccidi.

Coccidiosi

 

 

COLORAZIONE DELLE URINE

 

A volte la pipì del coniglio ha un colore arancio/rosso/marrone che può essere scambiato per sangue, questo colore è causato da pigmenti vegetali che si trovano nelle verdure che mangia, non c'è quindi da preoccuparsi se il coniglio non da' sintomi di malessere.

 

urine colorate da pigmenti del cibo vegetale

urina.jpg

 

urine con residui di calcio (sludge)

sabbia.jpg

 

urine con sangue

Se  le urine presentano delle striature rosse è il caso di fare delle analisi alle urine per escludere sangue dovuto a cistiti, infezioni, calcoli o tumori uterini.

 

Nel dubbio raccogliete le urine con una siringa e portatela dal veterinario

P1010361.jpg

 

urine limpide

Se l'urina del coniglio è priva di sedimenti e si presenta limpida come l'acqua potrebbe essere segno di insufficienza renale (si potrebbe notare anche aumento della sete e perdita di peso), consigliato delle analisi del sangue e urine.

 

Se vi accorgete di qualcosa di strano e pensate che il vostro coniglio possa avere uno di questi problemi dovete rivolgervi prima possibile ad un veterinario esperto in esotici.

 

 

 

I RISCHI DELL'OBESITA' NEL CONIGLIO

 

Un coniglio obeso è a rischio di gravi patologie. Alimentare il coniglio con mangimi di semi e cereali porta il coniglio ad ingrassare a dismisura. Oltre ad un fatto estetico ne risentiranno gli organi interni come cuore fegato e polmoni.

 

3.jpg

 

Cause di obesità:

Sicuramente la prima causa è una scorretta alimentazione a base di mangimi e pane.

Il coniglio è un erbivoro e la sua alimentazione deve essere a base di FIENO, ERBA E VERDURE.

 

Poco movimento e vita in gabbia fanno di un ocniglio che mangia male..un coniglio obeso! il coniglio non deve vivere in gabbia ma libero!

1.jpg

 

Patologie dei conigli obesi

 

I primi problemi di una scorretta alimentazione colpiranno i denti ed il sistema digestivo.

 

Molto spesso il coniglio obeso tende a produrre feci molli e diarrea perchè il fegato non funziona bene ed è intossicato dai cibi sbagliati. Questo causa un circolo vizioso: il coniglio si sporca la zona dell'ano e non riesce a pulirsi perchè è troppo grasso. Se non viene pulito e rimane sporco di feci ed urina la zona anogenitale inizierà a lacerarsi con piaghe fino ad infettarsi.

PULIZIA.jpg

 

Un coniglio grasso e costretto magari a vivere in gabbia avrà sicuramente problemi di ulcere alle zampe:

Pododermatiti.

 

Un coniglio obeso e sedentario potrebbe avere inoltre problemi di sabbia vescicale.

 

Anche gli organi interni come cuore e polmoni ne risentiranno.

 

Rimedi:

Prima di tutto va rivista la dieta, quindi togliere il pellet e mangimi e dare solo verdure e fieno, la frutta 1 volta la settimana e poca perché ingrassa. Attenzione a certe verdure come le carote che lo fanno ingrassare e alla quantià. Assicuratevi che mangi molto fieno e la giusta quantità di verdura.

vedi: Come fare il cambio di alimentazione.

 

E' molto utile fargli fare molto movimento, quindi non tenerlo mai in gabbia e stuzzicarlo con giochini come una scatola di cartone.

vedi: sistemazione

 

 

 

VITAMINE E SOLE

 

Non è necessario somministrare vitamine e sali minerali al coniglio!

 

Un coniglio con una corretta alimentazione a base di ERBA, FIENO E VERDURE assume tutto ciò di cui necessita.

I conigli che vivono in appartamento potrebbero correre il ri
schio di assumere poca vitamina D.


Per l'assunzione della vitamina D l'ideale è che possano esporsi alla luce solare.

Una carenza di vitamina D può portare gravi problemi ossei e di denti.


Quindi per il loro bene fate in modo che possano scegliere, se lo desiderano, di poter uscire in balcone-giardino (ovviamente in sicurezza), in mancanza di questi almeno aprite le finestre e fate entrare un pò di sole...

Se il coniglio ha zone di sole e ombreggiate sarà lui a scegliere dove andare.

Ecco alcuni esempi:

 

casa:

 

1.jpg  2.jpg  3.jpg

 

balcone:

 

6.jpg  7.jpg  8.jpg

 

giardino:

 

4.jpg  5.jpg

 

 

 

COME SCEGLIERE IL VETERINARIO

 

E’ importante sapere che non tutti i veterinari sono in grado di curare opportunamente i conigli, in quanto nelle Università italiane la preparazione al riguardo è ancora generica; tuttavia i conigli stanno diventando sempre più animali d’affezione e i veterinari hanno dovuto adattarsi: sono stati quindi istituiti dei corsi post-laurea oltre che delle vere e proprie specializzazioni in medicina delle “Specie non convenzionali” che comprende anche furetti, criceti e altri roditori, piccoli marsupiali, rettili ecc. Questi professionisti sono perciò molto più preparati nell’anatomia, fisiologia, clinica e chirurgia dei conigli rispetto ai comuni veterinari per cani e gatti.

 

 

Per sapere dove trovare un veterinario guardate qui: 

elenco veterinari per conigli

 

Qualche buona ragione per portare il proprio coniglio da veterinari esperti in conigli

(e non da quelli che trattano solo cani e gatti)

(Come dire: ma un bambino lo porteresti dal pediatra o dal geriatra?)

 

 Se volete testare il vostro veterinario ecco alcune domande che potete fare: TESTIAMO IL VETERINARIO

 

 

L' anestesia

 

Per interventi che richiedono l' anestesia esigete dal veterinario l'anestesia "gassosa" (isoflurano), è la più sicura, quella normale può essere pericolosa perché il coniglio rischia di non svegliarsi.

L' isoflurano è un gas che viene somministrato con una mascherina, il dosaggio deve essere preciso, se troppo basso il coniglio può sentire dolore, se troppo alto può essere pericoloso.

Finita l' operazione e tolta la mascherina il coniglio riprende subito conoscenza.

Anche questa anestesia comporta sempre un rischio, se pur basso, a volte il coniglio può avere patologie non visibili che ne causano la morte.

Rivolgersi sempre ad un veterinario esperto. 

 

 

Andare dal veterinario

 

Andare dal veterinario è per il coniglio molto stressante.

 

La macchina, gli odori diversi, posti diversi, persone sconosciute e sopratutto animali sconosciuti.

 

Usiamo un trasportino, vanno bene quelli in plastica per gatto (non quelli piccoli da cavie o criceti).

Sistemiamo sul fondo una traversina assorbente per evitare che rimanga bagnato se fa pipì.

Possiamo mettere anche del fieno così se ha voglia di mangiare trova qualcosa.

Possiamo insegnare al coniglio a non aver timore del trasportino lasciandolo sempre nella sua stanza come cuccia.

 

Ricordiamoci di portare anche il libretto sanitario se è la prima volta di farlo fare dal veterinario.

 

 

 

 

PRONTO SOCCORSO E MEDICINALI

 

Prima cosa avere il numero di un veterinario (ambulatorio e cellulare) esperto e sempre reperibile.

E' consigliabile tenere un piccolo pronto soccorso in casa per le emergenze, nel caso fosse impossibile andare subito dal veterinario, o per curare piccoli malesseri del nostro coniglietto. 

 

farmacia.jpg siringhe.jpg

 

MEDICINALI:

 

Metacam antidolorifico soluzione orale da dare molto facilmente per bocca

Motilex sciroppo, serve in caso di blocco intestinale, da non somministrare se il blocco è causato da ostruzione

Mylicon somministrazione orale, serve in caso di problemi di gas intestinale

 

I medicinali e le dosi di somministrazione devono essere prescritti dal veterinario di fiducia. 

 

CRITICAL CARE MISCELA DISIDRATATA OTTIMA PER L'ALIMENTAZIONE FORZATA

 

SIRINGHE CON AGO

(sterili nel caso ci fosse bisogno di iniettare una medicina)

 

SIRINGHE SENZA AGO

 (per somministrare un farmaco per bocca, o per un alimentazione forzata)

 

DISINFETTANTE 

 

GARZE E BENDE STERILI

 

TRASPORTINO