La Voce Dei Conigli

sito informativo sui conigli e tematiche animaliste

 

Non siamo zoofili, siamo contrari al commercio ed alla riproduzione degli animali. Questo sito è contro la vivisezione, la caccia, gli zoo, contro qualsiasi forma di sfruttamento animale.

Il nostro obiettivo è il benessere di tutti gli animali, per questo sosteniamo uno stile di vita etico dall'alimentazione priva di carne e derivati animali, alla scelta di acquistare prodotti che non abbiano comportato morte o sofferenza di nessun essere vivente.

Home  Menù principale  Contatti 

Schede  Adozioni

    

 

Menù principale

 

Prima visita

Il coniglio

Sistemazione

Alimentazione

Igiene e cura

Prevenzione

Malattie

Sterilizzazione

Vaccinazioni

Comportamento

Linguaggio

Convivenza

Colpo di calore

Veterinari

 

 

CONVIVENZA

Formare una coppia Inserimento Il terzo coniglio Con altri animali Aggressività e sottomissione

 

 

Il coniglio è un animale sociale ed ama la compagnia dei suoi simili, se lasciato solo soffre molto la solitudine. Una coppia di conigli arriva a stabilire un legame molto profondo e si faranno compagnia, giocando e coccolandosi l’un l'altro.

 

Formare una coppia di conigli non è sempre una cosa facile..tutto dipende dal carattere dei conigli, età, spazio a disposizione e tempo che ci si dedica all'inserimento.


Abbiamo formato in questi anni centinaia di coppie di conigli e una piccola esperienza ce l'abbiamo ;-)

Per formare la coppia si deve fare un "inserimento graduale" seguendo alcune regole (vedi sotto).

 

 

in coppia sono più felici....

 

 

FORMARE UNA COPPIA

 

I consigli base

 

SI:

  • coppia maschio e femmina (sterilizzati)

  • coppia di conigli di varie razze (non esistono problemi di razze) e dimensioni

  • coppia di conigli di varie età (adulti sterilizzati)

NO:

  • conigli adulti dello stesso sesso

  • conigli non sterilizzati

  • conigli in piccoli spazi (gabbie, gabbioni, recinti piccoli)

 

Razza ed età

 

Le diverse razze, età e dimensioni fra conigli non fanno differenza.

E' solo un problema di noi "umani" che purtroppo scegliamo in base all'estetica. Ai conigli non interessa il colore del mantello, il colore degli occhi o se sono coetanei o se uno pesa 2 kg e l'altro 6 kg..

Cercate piuttosto un coniglio che caratterialmente possa andare bene con il vostro.

Consigliamo di formare una coppia di conigli (maschio e femmina) ovviamente sterilizzati.

 

L'importanza della sterilizzazione

 

Per formare una coppia o un gruppo di conigli è necessario che tutti siano sterilizzati. Questo permette ai conigli di essere meno aggressivi e territoriali facilitando l'inserimento. Molti pensano che basta sterilizzare solo uno dei 2 ma è sbagliato. Un coniglio maschio non sterilizzato sarebbe comunque agitato e finirebbe per tormentare femmina finendo cosi per litigare ferocemente, viceversa se la femmina non è sterilizzata andrebbe incontro comunque a gravidanze isteriche, infezioni, tumori, nervosismo e stress.

Quindi per una convivenza pacifica i conigli devono essere tutti sterilizzati!

Attenzione: il maschio appena sterilizzato rimane fertile per 3 settimane evitate di metterlo assieme alla femmina se lei non è sterilizzata.

 

Di quale sesso? consigli per evitare liti feroci e cucciolate

 

La coppia ideale è maschio e femmina (sterilizzati al momento giusto per evitare cucciolate!!).

Conigli adulti dello stesso sesso raramente vanno d'accordo e se messi insieme arrivano a litigare ferocemente causandosi gravissime ferite.

Ci sono casi in cui possono comunque convivere conigli adulti dello stesso sesso, ma è meglio non rischiare e formare una coppia maschio e femmina.

 

Le liti tra conigli possono essere molto feroci, pericolose perchè le ferite causano infezioni e anche mortali:

 

1.jpg 2.jpg testicoli.JPG

 

2 Femmine:  

No al mettere insieme femmine adulte, litigherebbero furiosamente.

SI se le femmine sono cucciole e crescono insieme, hanno una buona probabilità di andare d'accordo, importante è comunque sterilizzarle al raggiungimento della maturità sessuale per togliere la territorialità che è una delle cause di litigi fra conigli.

 

2 maschi: 

No al mettere insieme maschi adulti litigherebbero furiosamente (vedi liti tra conigli).

SI se i maschi sono cuccioli e crescono insieme, importante al raggiungimento della maturità sessuale (3 mesi) procedere alla sterilizzazione per evitare litigi. I maschi in maturità sessuale cominceranno a montarsi fra loro ed a mordersi, fino ad arrivare a furiose liti anche mortali. Arrivano a staccarsi a morsi i testicoli.

La sterilizzazione è una buona soluzione ed alcuni maschietti cresciuti insieme spesso convivono bene.

 

Maschio e Femmina:

SI è la scelta migliore! di solito 2 conigli sterilizzati (non importa razza, età e dimensione) e di buon carattere non hanno particolari problemi nella convivenza.

E' importante comunque procedere con un inserimento graduale seguendo i consigli sotto.

Tutto poi dipenderà dal carattere dei conigli.

 

Gruppo di conigli:

I conigli sono animali sociali, è possibile in certi casi costituire una piccola colonia, sicuramente devono essere tutti sterilizzati ed inseriti gradualmente nel gruppo con tutti gli accorgimenti necessari.

Carattere e spazio sono comunque fondamentali per la buona riuscita.

 

 8.jpg 7.jpg gruppo-conigli.jpg

 

Inserire il terzo coniglio in una coppia formata..è possibile?

 

Spesso riceviamo richiesta per l’adozione del terzo coniglio da inserire all’interno di una  coppia per formare il “famoso” trio. Questa è una cosa meravigliosa che ci riempie di gioia perché vediamo che ci sono tante persone splendide pronte ad allargare il proprio amore anche ad un terzo sfortunato in cerca di famiglia….. ma allo stesso tempo ci preoccupa in quanto formare il così detto “trio” non è affatto un’impresa semplice.

 

A volte inserire un nuovo elemento in una coppia già formata e consolidata oltre ad essere difficilissimo (le probabilità di successo sono bassissime, diciamo del  5% circa) potrebbe essere causa di “rottura” della coppia originaria.

 

La così detta “coppia che scoppia”.

 

In altri termine l’introduzione (o il tentativo di introduzione) di un terzo elemento, se non effettuato correttamente, potrebbe essere causa di litigi all’interno della propria coppia al punto di portarla anche alla rottura. Senza contare che se il terzo elemento – ammesso e non concesso – viene accettato, questo potrebbe essere “preferito” al compagno originale e questi essere “allontanato” dalla nuova coppia.

Insomma non è facile!

 

6.jpg

Non possiamo dire che è impossibile perché sarebbe una menzogna. Abbiamo alcuni casi fortunati (alle volte basta anche solo la fortuna) in cui il terzo e poi anche il quarto e quinto, ecc…. sono stati inseriti con successo, ma si tratta appunto di casi rari, per di più in situazioni particolari che “facilitano” l’aggregazione tra queste creature, per esempio l’essere tutti cuccioli, o anche situazioni di ampi spazi e grandi giardini dove lo spazio abbonda per tutti, o quando uno o più membri del gruppo, di solito maschi, si prendono l’incarico di sedare i conflitti, avendo le capacità per farlo….. ma sono appunto un po’ casi isolati…. Particolari….

 

Possiamo quasi dire che è più facile l’inserimento del quarto elemento in un trio in quanto un trio è già un “branco” come in natura, con un regolatore,  e quindi il nuovo elemento si  trova facilitato nelle interazioni iniziali con il resto del gruppo, poiché il regolatore evita che si arrivi all’aggressione. Certo molto dipende, anche in questi casi, dalle capacità comunicative e dall’atteggiamento del nuovo arrivato il quale, se non è molto abile o se non è disposto ad imparare dagli altri e lasciarsi regolare perché ha un atteggiamento impositivo o competitivo troppo forte, può generare conflitti che creeranno forti tensioni nel gruppo.

 

La coppia è una realtà più delicata, ed è facile che l’introduzione del terzo elemento (sempre che ci si riesca) possa creare dei disequilibri a volte insanabili.

Questo per farvi riflettere che l’introduzione del terzo coniglio non è una passeggiata, ed anche se realmente meraviglioso ed il sogno di molti, non è facile, bisogna pensarci bene, e valutare a fondo anche le eventuali conseguenze negative che questa introduzione potrebbe comportare.

Questa è almeno la nostra esperienza…. Il terzo coniglio non è impossibile….. ma molto molto molto difficile….. riflettete con calma prima di prendere questa decisione…. Noi comunque restiamo a vostra disposizione per parlarne e valutare assieme caso per caso.

 

 

 

IL CONIGLIO E ALTRI ANIMALI

 

Il cane

 

Con il cane ci vuole molta prudenza e farli incontrare con molta gradualità, dipenderà poi dal carattere del cane, prima di lasciarli liberi e soli assicurarsi che il cane non sia troppo aggressivo e lo notate se ha di solito comportamenti analoghi con gatti, piccioni e piccoli animali.

Attenzione ai cani da caccia che per istinto naturale andranno a caccia del vostro coniglio! Anche se il cane è di buon carattere potrebbe mettersi ad inseguire il coniglio spaventandolo a morte causandogli un infarto.

Attenzione anche ai cuccioli che potrebbero "usarlo" come gioco che diventerebbe mortale per il coniglio.

E' sempre sconsigliato di lasciare soli il cane con il coniglio, i cani di taglia medio-grande  e di razze particolari sono sconsigliate alla convivenza con il coniglio, purtroppo le aggressioni di cani ai conigli sono molto frequenti.

 

Il gatto

 

Con il gatto possono diventare davvero molto amici, se il gatto è già grande, bisogna fare attenzione che non veda il coniglio come una preda, farli incontrare sempre con gradualità e sotto sorveglianza.

 

   

 

In generale la convivenza è impossibile e da EVITARE con animali predatori (es. i furetti)

 

 

 

INSERIMENTO COME PROCEDERE CONSIGLI PRATICI:

 

Quando 2 conigli si incontrano per la prima volta devono stabilire una gerarchia per decidere chi comanda in quel territorio.

Di solito si avvicinano l'uno all' altro incuriositi, si mettono muso a muso, per stabilire la gerarchia, se nessuno dei due si sottomette allora cominciano le lotte!

I conigli non sterilizzati sono più aggressivi e territoriali. 

Ecco dei segnali che vi fanno capire quando i conigli stanno per scontrarsi:

  • si rincorrono con la coda alzata

  • ringhiano quando si avvicinano e cercano di mordersi e graffiarsi

  • spruzzano pipì

  • cercano di montare il compagno (anche la femmina lo fa verso il maschio)

Preparazione dell'ambiente

 

E' buona regola dare il tempo ai conigli di conoscersi piano piano, proprio come sarebbe per noi.

Trovate una sistemazione in cui possano stare vicini in maniera che possano vedersi, annusarsi e abituarsi l'uno all'altra senza farsi male. La soluzione ideale è dividere la stanza con una rete o un cancelletto o con un recinto.

 

Non mettere mai 2 conigli nella stessa gabbia o in un luogo troppo ristretto potrebbero litigare violentemente fino a causarsi gravissime ferite!

 

Esempi per preparare gli spazi e dividere l'ambiente per il nuovo arrivato dando il tempo così di conoscersi:

 

1.jpg  3.jpg  5.JPG  4.JPG 2.jpg

 

DSC00829.JPG  DSC00839.JPG  DSC00857.JPG recintoincasa.jpg  

 

 

Conigli rilassati

 

Giorno dopo giorno i conigli inizieranno ad abituarsi uno all'altro e li vedrete sempre meno aggressivi e più rilassati!

Offrite loro il cibo vicini in maniera che associno la presenza dell'altro a qualcosa di positivo. Se iniziano anche  a dormire vicini allora è il momento di iniziare gli incontri!

 

 cancelletto.jpg inserimento.jpg

 

Come far incontrare 2 conigli

 

Territorio "neutro" dove fare i primi incontri:

Se uno dei due è già presente in casa da tempo, bisogna farli incontrare le prime volte in una stanza ampia e neutrale dove nessuno dei due sia mai stato, sotto la nostra sorveglianza, se già da subito non ci sono problemi o segnali di aggressività i due potranno scorazzare liberi sempre.

 

ampia.jpg

Incontri in giardino:

Una buona soluzione è per esempio portarli in un giardinetto (ovviamente sicuro dove non possano incontrare altri animali o scappare) dove entrambi si sentiranno un po' spaventati dal luogo sconosciuto e cercheranno conforto uno dall'altro. 

Se i 2 conigli tendono ad essere aggressivi si procederà gradualmente giorno per giorno.

Non disperatevi spesso servono settimane o anche un paio di mesi.

 

giardino.jpg  giardino2.jpg

Piccoli viaggi in macchina:

Per farli "avvicinare" si può anche metterli nello stesso trasportino e fargli fare un bel giretto in macchina (20 minuti), importante è che mentre uno guida un altra persona possa tenere il trasportino e  continuare a muoverlo in maniera che i conigli "impauriti" dal viaggio trovino conforto uno dall'altro..

 

Associazione positiva:

Durante l'incontro diamo del buon cibo che potranno condividere assieme. Avviciniamoli e offriamo loro dei bocconcini (uvetta, mela).

cibo.jpg

Durata degli incontri:

Facciamoli incontrare tutti i giorni per pochi minuti (5 minuti anche 3 volte al giorno), finché non faranno amicizia e cominceranno a condividere lo stesso ambiente senza mordersi convivendo in maniera pacifica.

 

ESEMPI:

 

primi incontri (1).jpg  primi incontri (2).jpg  primi incontri (3).jpg

 

Esempio Video inserimento:

 

  inserimento Lilly e Zizù di nicola_barusso


 

 

 

AGGRESSIVITA' E SOTTOMISSIONE

 

Appena 2 conigli si trovano per la prima volta nello stesso ambiente possono succedere 3 cose:

  • si ignorano e stanno alla larga dall'altro.

  • si mettono "muso a muso" e uno dei due si sottomette sdraiandosi a terra con le orecchie all'indietro, mentre il dominante di avvicina con una postura alta. Il dominante potrebbe iniziare a raspare attorno e strofinare con il mento i vari oggetti.

  • entrambi i conigli vogliono "dominare" e si fronteggeranno fino a  che uno dei due non si sottomette. In vari casi inizieranno a  ricorrersi e mordicchiarsi senza farsi troppo male,  in caso di 2 conigli forti e  territoriali potrebbero arrivare a mordersi procurandosi gravissime lesioni.

incontri.jpg

  • si montano anche se sterilizzati, questo comportamento serve per stabilire la gerarchia tra loro.

monta.jpg

 

cosa fare in caso di aggressività:

Quando arrivano a mordersi bisogna separarli subito, i loro denti sono micidiali e causano ferite anche gravi, a volte si staccano i genitali a morsi.

 

In linea di principio vanno d'accordo quando non si ammazzano, cioè solo il fatto che non si scannano vivi è di per sè già un buon segnale!

 

Se si  odiano a morte e fanno la "palla" (si avvinghiano ai fianchi morsicandosi).

Fare brevissimi incontri e cambiare territorio neutrale, magari in un giardino (recintato!) spazioso, dove abbiano l' opportunità di scappare.

 

 la "palla":

 

 

In altre parole le ipotesi sono:

 

90% dei casi con tempistiche di "innamoramenti da 1 settimana a 3 mesi:

SI IGNORANO = buono !

LEI CORRE DIETRO A LUI, E LUI SCAPPA = buono !

LUI L'AGGUANTA E LA MONTA, LEI SI GIRA SI RIBELLA, LO MORDE E SCAPPA = buono !

LEI L'AGGUANTA E LO MONTA, LUI SI GIRA SI RIBELLA, LA MORDE E SCAPPA = buono !

LUI LA MONTA E LEI CI STA' = buono quasi ottimo

LEI LO MONTA E LUI CI STA' = buono quasi ottimo

 

il questi casi sopra menzionati i primi incontri devono essere non molto prolungati..... del tipo 10/15 minuti il primo giorno.

20 minuti il secondo giorno,poi magari sabato che avete più tempo un incontro la mattina - uno a distanza verso sera, idem la domenica.....

e via via aumentando finchè vedete che lentamente i rapporti vanno migliorando.

In questi casi un po' di zuffe e un po' di pelo che vola e anche qualche morsicone ci stà pure..... ovvio sempre attenzione che non si facciano male male!

 

5%dei casi

 

LEI ABBASSA LA TESTA DAVANTI A LUI, E LUI O LA MONTA O LE DA' I BACINI = ottimo !

LUI ABBASSA LA TESTA DAVANTI A LEI, E LEI O LO MONTA O GLI DA' I BACINI = ottimo !

teneteli sott'occhio e magari la sera ancora li mettete ognuno nel proprio territorio, ma in questo caso direi che è già fatta.