La Voce Dei Conigli

associazione di volontariato NO PROFIT per la tutela dei conigli CON SEDE A VERONA.

 

L'associazione lavocedeiconigli si occupa di recuperi e adozioni di conigli abbandonati.

Svolgiamo attività di informazione sulla corretta gestione del coniglio come animale da compagnia tramite il sito, la distribuzione di materiale informativo, eventi, nelle scuole e sui canali social.

Il nostro obiettivo è il benessere dei conigli e di tutti gli animali.

Home  Menù principale  Contatti 

Schede  Adozioni

    

 

Menù principale

 

Prima visita

Il coniglio

Sistemazione

Alimentazione

Igiene e cura

Prevenzione

Malattie

Sterilizzazione

Vaccinazioni

Comportamento

Linguaggio

Convivenza

Colpo di calore

Veterinari

 

 

 

OSTEOMIELITE

Torna a malattie

Torna a malocclusione e problemi dentali

 

L'osteomielite è un infezione del tessuto osseo.

 

I denti dei conigli per problemi genetici o conseguenti ad un errata alimentazione possono sviluppare degli ascessi che in molti casi se non trattati nella maniera adeguata arrivano all'osso causando una profonda infezione molto difficile da trattare.

 

SINTOMI:

  • dermatite sotto il mento a causa di una eccessiva salivazione

  • gonfiori

  • ascessi

  • lacrimazione

  • difficoltà a masticare

  • difficoltà a respirare

  • anoressia

  • incisivi lunghi

  • occhio sporgente

Spesso le radici dei denti crescendo a dismisura vanno a comprimere il dotto lacrimale causando lacrimazioni e scoli, mentre le radici dei molari possono causare pericolosi ascessi.

Il coniglio mangia meno fino a  smettere del tutto. Solitamente smette di mangiare prima il fieno, poi piano piano tutto il resto. Si può notare salivazione eccessiva che causa dermatite ai lati della bocca, alla gola ed alle zampe che restano bagnate per perchè il coniglio cerca continuamente di pulirsi.

 

RIMEDI:

 

Chirurgica, antibiotica, antidolorifica e sostegno con alimentazione.

 

E' molto importante rivolgersi a veterinari esperti per diagnsosi.

Sostenere il coniglio con alimentazione adeguata (spesso anche forzata).

 

Come prendersi cura di un coniglio malato (farmaci, alimentazione forzata, terapie)

 

Nella maggior parte dei casi bisogna intervenire chirurgicamente per togliere l'ascesso e la causa (i denti).

Per una migliore terapia antibiotica si consiglia di far eseguire un antibiogramma che rileva il batterio specifico e quindi si procede la cura con un antibiotico mirato.

Ci possono essere purtroppo delle recidive.

Molto spesso l'antibiotico va comunque fatto per lunghissimi periodi.

 

Qui di seguito riportiamo la nostra esperienza personale con una coniglietta curata per una grave osteomielite alla mandibola.

 

 

Tata è una coniglia ariete che fin dalla nascita presentava problemi di malocclusione.

 

 

Nei mesi successi la coniglia è stata operata per l'estrazione degli incisivi e rimozione di un ascesso.

 

In questa foto primo intervento all'ascesso

primi interventi.jpg

 

La coniglia ha iniziato a mangiare con difficoltà ed avere un eccessiva salivazione e molto dolore.

 

L'eccessiva salivazione ha causato una grave e diffusa dermatite:

 

4.jpg 5.jpg tata.jpg 6.jpg 1.jpg 2.jpg

 

Purtroppo dopo poco si è scoperto che l'infezione partiva da una radice di un molare che ha coinvolto parte della mandibola e dello zigomo.

 

Sono stati eseguiti vari esami tra cui una TAC:

referto.jpg tac.jpg tac2.jpg

 

Referto Tac:
Soggetto che ha subito estrazione incisivi e due interventi di marsupializzazione per ascessi in regione periorbitaria mascellare sinistra, da alcuni giorni dopo intervento di limatura dei molari presenta scialorrea imponente con dermatite periorale.

TC64s basale con paziente vigile. Si evidenzia processo osteolitico/
osteoproduttivo a carico dell'arcata zigomatica sinistra, estesa dalla porzione mediana dell'osso mascellare alla porzione caudale del processo zigomatico, con un'ampia zona osteolitica centrale;
paraodontite dei denti molariformi mascellari ipsilaterali, frattura trasversa incompleta della porzione media del dente II molariforme mascellare sinistro, residuo radicale bilaterale dei denti incisivi mandibolari; la radice del sinistro appare allungata caudalmente ed è in rapporto lateralmente con un area osteolitica situata tra questa e la porzione anteriore dell'alveolo del primo molariforme mandibolare; all'interno di tale lesione osteolitica si rileva un'area iperdensa di 3 mm circa di diametro e forma irregolare.
Commento. Riferibile a osteomielite mascellare e zigomatica con interessamento parziale
dei denti molariformi mascellari, residuo radicolare degli incisivi inferiori, sequestro
osseo/frammento radicolare mandibolare.

 

Tata viene ricoverata il 23 gennaio 2014 e sottoposta ad un intervento di chirurgia:

 

1.Riduzione coronale dei due premolari inferiori di sinistra, in particolare riduzione della cuspide;
2.Estrazione parziale delle corone dei denti molariformi superiori di sinistra I, II, e IV;
3.Riduzione coronale del primo premolare inferiore destro;
4.Disinfezione delle estese ulcere mucosali.

 

Subito dopo l'intervento la coniglia ha ripreso a mangiare!

 

Nei giorni successivi i miglioramenti sono stati velocissimi!

 

 

In questa foto la ferita dopo due settimane dall'intervento

3.jpg

 

Tata dopo 23 giorni viene dimessa!

 

 

 

L'esito dell'intervento è stato assolutamente POSITIVO.

 

Dopo meno di 2 mesi la coniglia ha ripreso il suo peso, la dermatite è sparita e l'osteomielite è ferma.

 

 

L'osteomielite purtroppo l'aveva aggredita gravemente ed è vero..... ha passato due mesi d'inferno...... ma già dal giorno dopo l'intervento era tornata a nuova vita..... e da allora TATA non ha più preso nemmeno un farmaco!

 

In queste foto una coniglia sana, felice  senza più problemi..

 

3.jpg 1.jpg 4.jpg 5.jpg 1.jpg

 

10.jpg 6.jpg 7.jpg 8.jpg 9.jpg

 

Per questo problema è bene rivolgersi a veterinari veramente competenti.